I 30 migliori film horror degli anni '90

Halloween è tornato alla Playlist e, a parte l'assemblaggio dei nostri costumi 'dolcetto e scherzetto', significa una caratteristica opportunamente inquietante. E quest'anno ne abbiamo consegnati più di uno: ieri abbiamo selezionato i momenti più spaventosi del film di tutti i tempi. Oggi abbiamo scelto qualcosa di leggermente diverso.



Questa volta, l'anno scorso, abbiamo raccolto i nostri orrori preferiti del 21 ° secolo finora, quindi è sembrato naturale perdere i nostri preferiti dagli anni '90. I fan dell'horror spesso deridono il decennio come un punto basso del genere, ma se approfondisci un po 'di più, ci sono tutti i tipi di gemme oltre ai grandi film iconici che tutti ricordiamo. Cosa ha fatto la lista? Puoi trovare i nostri primi 30 qui sotto e puoi suggerire i tuoi preferiti nei commenti. Felice Halloween!

30. 'Stir Of Echoes' rdquo; (1999)



Costruire da alcuni elementi familiari - casa inquietante, ragazza scomparsa, bambino dotato - e aver avuto la sfortuna di essere un film su un ragazzino che vede fantasmi arrivare nei cinema solo poche settimane dopo “;Il sesto senso, ”; non sorprende che 'Stir Of Echoes' rdquo; è stato trascurato in quel momento. Tuttavia, dopo un po 'di tempo, ora si presenta come un film horror profondamente efficace che merita di resistere da solo. Diretto da “;Jurassic Park”; sceneggiatore David Koepp a partire dal Richard Mathesonromanzo di, vede Tom (Kevin Bacon) ipnotizzato dalla cognata in quanto in grado di vedere i fantasmi, un'abilità che il suo giovane figlio possiede già e che inizia a vedere visioni di una ragazza adolescente (Jennifer Morrison) scomparso sei mesi prima. Koepp aggira la familiarità del set-up in parte attraverso la pura efficacia del suo spavalderio (è un peccato che da quando abbia sperperato quei talenti su cose come “;Mortdecai”;), ma in parte attraverso la specificità - il trasferimento di una storia come questa non in una remota casa del New England, ma nel mezzo di un quartiere di Chicago dai colletti blu, gli dà una grinta e un peso che è raro il genere, in parte grazie ad una performance di Kevin Bacon che è una delle sue migliori in assoluto.



29. “; Hardware ”; (1990)

I film di robot killer sono vecchi quanto il cinema stesso, ma mentre 'Hardware' rdquo; non ha necessariamente molta originalità nella premessa, ha una tonnellata assoluta di talento nell'esecuzione. Diretto dal regista sudafricano Richard Stanley (che andava, famigerato, a guidare il fantastico &Ddquo; Dust Devil”; prima di essere licenziato dal set del disastroso “;L'isola del dottor Moreau”; con Marlon Brando e Val Kilmer), una specie di Neill Blomkamp dei suoi giorni, il film è protagonista Dermot Mulroney, spiacente, Derbel McDillet, spiacente, Dylan McDermott, come uno spazzino post-apocalittico che raccoglie le parti di un robot, solo per farlo prendere vita e iniziare a uccidere praticamente tutti (è stato programmato dal governo per commettere un genocidio). Stanley ruba senza vergogna da “;Mad Max, ”; “;Il Terminator, ”; e molto altro (anche lui, dopo un'azione legale, è stato costretto a dare credito agli scrittori di un fumetto del 2000 AD chiamato “;SHOK!”;), ma usa i pezzi per assemblare, con un budget straordinariamente scarso, un mondo futuro davvero convincente con un punk satirico punk, verhoeven-ish, attingendo sia dalla sua esperienza che cresce nell'era dell'apartheid in Sudafrica, sia dal tempo trascorso di recente nella guerra in Afghanistan. Tutto ciò, e offre sferzate di sangue e anche molte paure.

28. Tesi ”; (1996)

Presto tornerà al genere con Ethan Hawke / Emma Watson starrer “;Regressione, ”; e ha vinto un enorme successo per questo negli anni '00 con Nicole Kidman foto fantasma “;Gli altri, ”; ma Alejandro Amenabar si è fatto strada per la prima volta con il suo chiller in lingua spagnola, 'Thesis', 'Thesis' realizzato quando era uno studente di cinema a soli 23 anni. Subito un piccolo derivato (di Da Palma e Argento, in primo luogo) e sorprendentemente in anticipo sui tempi, il film è incentrato sulla studentessa Angela (Ana Torrent, a vent'anni da protagonista in “;Lo spirito dell'alveare”;), che avvia un'indagine su video violenti, solo per scoprirne uno che mostra l'omicidio di una donna che ha frequentato l'università e che è scomparsa due anni prima, e un bel estraneoEduardo Noriega, che avrebbe continuato a recitare in Amenábar ’; s “;Apri gli occhi”;) che afferma di conoscere la verità. Come molti studenti di cinema, puoi criticare il regista sia per aver indossato pesantemente le sue influenze sulla manica, sia per una certa mancanza di immaginazione nella sua ambientazione (un'università), ma non puoi discutere con il mestiere: per uno così giovane , Amenábar dirige l'inferno fuori dal film, con una sensazione sicura e tesa che si sente positivamente innamorata della possibilità del cinema. E a differenza di altri film a tema tabacco, questo ha davvero qualcosa da dire sulla nostra relazione con la violenza dello schermo - è più “; Peeping Tom”; di “;8MM, ”; in altre parole.

27. “; Nadja ”; (1994)

La resilienza e la potenziale varietà della metafora del vampiro l'ha resa costantemente popolare non solo con i registi horror, ma anche con i timonieri indipendenti - basta guardare gli ultimi anni, con Jim Jarmusch’; s “;Solo gli amanti sopravvivono”; e Ana Lily Amirpour’; s “;A Girl Walks Home Alone At Night ”; trovare miglia molto diverse, ugualmente eleganti nei non morti. Uno dei migliori esempi di questo negli anni '90 fu con Michael Almereyda'drly funny drly take on the “;Dracula”; mito, “; Nadja. ”; Il film si concentra sulla figlia di Dracula (Elina Löwensohn), che porta le ceneri di suo padre a Brooklyn per visitare il fratellastro Edgar (Jared Harris) dopo Van Helsing (Peter Fonda) uccide il padre, seducendo Lucy (Galaxy Craze), la moglie del nipote Jim di Van Helsing (Martin Donovan) lungo la strada. Prodotto da e con un cameo di, David Lynch, è più vicino Hal Hartley rispetto al “;Blue Velvet ”; padrone e, come il migliore dei film di Almereyda, al tempo stesso premurosamente pretenzioso e intelligente. Potrebbe non essere strettamente spaventoso, ma come reinvenzione della storia di Dracula per gli anni '90, completa di bisessualità, metafore sull'AIDS e colonna sonora killer con My Bloody Valentine e Portishead, fa il suo lavoro e altro ancora.

26. In The Mouth Of Madness ”; (1994)

Dopo una corsa quasi imbattibile negli anni '80, la narrativa popolare è che “;Halloween”; e “;La cosa”; mente John Carpenter iniziò una sorta di recessione negli anni '90. Ed è certamente vero che film come “;Memorie Di Un Uomo Invisibile, ”; “;Village Of The Damned, ”; e “;Fuga da L.A. ”; non dovevano essere considerati tra le opere più belle della leggenda dell'orrore, ma c'era una delle gemme più importanti del decennio, nella forma di 'In The Mouth Of Madness'. Completare una trilogia non ufficiale, per il regista, è iniziata con The Thing ”; e “;Principe delle tenebre, ”; il film è interpretato da un post- “;Jurassic Park”; Sam Neill come investigatore assicurativo incaricato di esaminare la scomparsa di Stephen King-ish horror autore Sutter Cane (Jürgen Prochnow), solo per scoprire che le creazioni dell'autore potrebbero prendere vita e far impazzire i suoi lettori. Profondamente divisivo all'epoca, e un flop al botteghino, ora si pone come uno dei pochi tentativi davvero riusciti di far funzionare l'orrore lovecraftiano sul grande schermo, con un tono davvero strano e stridente in tutto ciò che passa rapidamente dall'essere inquietante al veramente folle . Non è perfetto - La colonna sonora rock di Carpenter è una delle sue più deboli, e un giudizio errato sul film nel suo insieme - ma è una che merita una nuova ricerca.



Articoli Più