Incontra il Tribeca Filmmakers n. 5 del 2014: Karen Hopkins confida nel fatto che il suo film 'Miss Meadows' sarebbe successo

Prima di 'Miss Meadows', Karen Hopkins ha solo un credito come regista. Ha anche recitato in alcuni piccoli ruoli e ha diretto la sceneggiatura del film drammatico Susan Sarandon 'Stepmom'. Il suo ultimo film, la satira 'Miss Meadows', che apparirà al Tribeca quest'anno, vede Katie Holmes come una 'vera signora' andata male. Hopkins ha anche detto a Indiewire che per realizzare il film sono stati necessari 'tocchi di bacchetta'.



Parlaci di te? Sono venuta a Hollywood da Sandusky, Ohio, per lavorare come attrice. Ho insegnato per anni lezioni di ginnastica e ho guidato un tosaerba per un'auto fino a quando ho ottenuto la mia prima 'grande occasione'. Poi sono stato tagliato fuori da tre film importanti. Il mio gemello stava studiando per ridursi e pensò che avrei inventato tutti questi scenari per essere lanciato e poi tagliato per sopravvivere. Mia madre mi ha detto amorevolmente 'sei un fallimento, torna a casa', ma non potevo andare a casa. Leonard Cohen afferma che 'scrivere è un'attività disperata' ed è stata la disperazione che mi ha spinto a scrivere una sceneggiatura in una settimana. E la mia fortuna 'improvvisamente' è cambiata - ha venduto. Ho chiamato mia madre al lavoro in fabbrica e le ho detto che ora puoi smettere. Ha detto 'questo non succede a persone come noi'. Ho scritto 'Welcome Home, Roxy Carmicheal' sul set di 'The Running Man', un film dal quale non mi sono tagliato fuori. Ho scritto 'Miss Meadows' mentre contemplavo di portare un bambino in questo mondo complicato, a volte bellissimo. È stato giusto portare una nuova vita e introdurla in questo posto? Come insegni bene dall'errore, dal coraggio e non dalla paura? Più o meno nello stesso periodo in cui me lo sono chiesto, una bambina di nome Polly è stata rapita dal pigiama party della sua camera da letto ed è stata uccisa da un intruso. Un rapporto di notizie suggeriva che avremmo dovuto provare compassione per lui dato che aveva avuto un'infanzia difficile. La mia bussola morale è esplosa; come società siamo diventati così politicamente corretti da non avere più un diritto e un torto? Un bianco e nero? Chi potrebbe fare ciò che noi - e ciò che la legge - non potrebbe e proteggere tutti i bambini? Miss Meadows potrebbe. Mi è apparsa e l'ho scritta il più velocemente possibile per far decrescere il suo comportamento estremamente 'corretto'. Ci sono voluti 14 anni per il suo manifest nella rivelazione che ora è Katie Holmes.

La più grande sfida nel completare questo progetto? Confidando che sarebbe, in effetti, completo. Poco più di un anno fa, in quel momento, il film (e io) non aveva agenti, manager o avvocati. Il team di produzione che era attaccato svanì come 'cacca'. Poi ci fu un'altra 'cacca', ma questa volta non con un pugnale ma una bacchetta magica. Un produttore mi aveva guardato negli occhi e aveva detto 'Posso farcela.' Poi c'è stato un 'grande coglione! Katie Holmes ha detto di sì. E poi c'erano più tocchi della bacchetta magica. Abbiamo realizzato 'Miss Meadows' per poco più di un milione a Cleveland, Ohio. È stata la gentilezza degli estranei in ogni momento di ogni giorno da allora - per ogni diciassette 'no' abbiamo avuto un sì immacolato che ci ha spinto al passo successivo. 'Poof' siamo qui. Nel wow ora. Cosa hai nei lavori? Un western femminile, un musical per cani che sto scrivendo con mia figlia di 10 anni, un pilota spec e sto realizzando alcuni progetti con / per altri cineasti. Non vedo l'ora di fare una lunga passeggiata con mia figlia e il nostro cane intorno all'isolato. Hai crowdfund? In tal caso, tramite quale piattaforma? E se no, perché? Noi non abbiamo fatto; non abbiamo avuto il tempo dato la piccola finestra che dovevamo rendere il film data la disponibilità di Katie. Quali film ti hanno ispirato? 'C'era una volta il West' ha cambiato tutto per me. 'The Apartment' e 'Sunset Boulevard' di Billy Wilder. 'The Wild Bunch' di Peckinpah, 'City Lights' di Chaplin e 'The Great Dictator'. 'Boogie Nights' e 'Magnolia' di Paul Thomas Anderson. Inoltre, Spike Jonze in generale.



Indiewire ha invitato i registi del Tribeca Film Festival a raccontarcelo
i loro film, incluso ciò che li ha ispirati, le sfide che hanno affrontato e
quello che stanno facendo dopo. Pubblicheremo le loro risposte anticipando
al festival 2014. Vai QUI per leggere tutte le voci.





Articoli Più