Meryl Streep devia le critiche alla risposta alle accuse di Harvey Weinstein: 'Voglio sapere del silenzio di Melania Trump'

Che Film Vedere?
 

Allocca / Starpix / REX / Shutterstock



In un'intervista del New York Times a fianco del suo co-protagonista “The Post” Tom Hanks, l'attrice Meryl Streep ribadisce ulteriormente con domande sulla sua reazione alle accuse diffuse contro l'ex superproduttore Harvey Weinstein, con cui l'attrice premio Oscar ha lavorato con un numero di occasioni. Sebbene Streep sia diventata sempre più vocale da quello che si supponeva fosse il silenzio iniziale, le domande non sono diminuite, anche se ora è desiderosa che altre donne, in particolare Melania e Ivanka Trump, parlino dopo.

Quando le è stato chiesto dell'aspettativa che Streep avesse bisogno di dire qualcosa quando le accuse di Weinstein sono scoppiate per la prima volta, ha detto all'outlet: “L'ho scoperto un venerdì e sono tornata a casa a fondo nella mia vita. E poi qualcuno mi ha detto che in 'Morning Joe' stavano urlando che non ho ancora risposto. Non ho una cosa su Twitter o - gestisco, qualunque cosa. E non ho Facebook. Dovevo davvero pensare. Perché ha davvero sottolineato il mio senso di insicurezza, e anche quanto malvagio, profondamente malvagio e duplicato, una persona che era, eppure un tale campione di lavoro davvero eccezionale. ”

Streep ha aggiunto: “Realizzi film. Pensi di sapere tutto di tutti. Tanti pettegolezzi. Non sai nulla. Le persone sono così imperscrutabili a un certo livello. Ed è uno shock. Alcune delle mie persone preferite sono state abbattute da questo, e lui non è uno di loro. '

Alla domanda più specifica su ciò che sapeva delle presunte malefatte di Weinstein, Streep disse: “Beh, onestamente per me in termini di Harvey, non lo sapevo davvero. Pensavo avesse delle amiche. Ma quando ho sentito voci su attrici, ho pensato che fosse un modo per denigrare l'attrice e la sua capacità di ottenere il lavoro. Questo ha davvero sollevato i miei hackles. '

Ha aggiunto: 'Non sapevo che stesse in qualche modo maltrattando le persone. Non mi ha mai chiesto una camera d'albergo. Non so come sia stata condotta la sua vita senza che le persone lo sapessero intimamente. '

Il Times ha insistito sul problema, chiedendo cosa ha fatto Streep del fatto che la gente la stava aspettando specificamente parlare delle accuse. Ha detto: 'Non voglio sapere del silenzio di me. Voglio sapere del silenzio di Melania Trump. Voglio sentire da lei. Ha così tanto che è prezioso da dire. E anche Ivanka. Voglio che parli ora. '

L'attrice ha anche recentemente disegnato l'ira della schietta artista e attivista Rose McGowan - un'altra presunta vittima di Weinstein - che ha criticato Streep per aver preso parte alla prossima protesta dei Golden Globe contro le molestie e gli abusi sessuali di Hollywood. McGowan ha fatto esplodere Streep e la protesta in un tweet pubblicato il 16 dicembre. La settimana scorsa sono arrivate le notizie che le attrici avrebbero dovuto indossare tutto il nero sul tappeto rosso dei Golden Globes per protestare contro le molestie e gli assalti.

Streep ha risposto a McGowan in una dichiarazione ufficiale in cui ha scritto che le faceva male essere attaccata da McGowan, notando che non era deliberatamente silenziosa. ”; “; non sapevo ”; Streep dice del comportamento di Weinstein. 'Non approvo tacitamente lo stupro. Non lo sapevo. Non mi piace che le giovani donne vengano aggredite. Non sapevo che stesse succedendo. ”;

Il mese scorso, il volto di Streep è apparso sui manifesti di Los Angeles che dichiaravano 'Lo sapeva', e in seguito un artista di altissima destra di nome Sabo ha rivelato a The Guardian che lui e due collaboratori sono responsabili della creazione e della realizzazione dei poster. L'ex marine statunitense di 49 anni afferma che i manifesti erano un atto di ritorsione contro Streep, che è stato anche vocalmente anti-Trump in passato.

Streep ha anche detto al Times di aver subito molestie se stessa quando era un'attrice più giovane, ma non entra nei dettagli. Vai al New York Times per leggere la sua intervista completa.



Articoli Più