'La recensione di Orville': il furto di Star Trek di Seth MacFarlane è in bancarotta in modo creativo, morale ed etico

Protezione Noah / FOX



Il modo migliore per descrivere 'The Orville' è 'Cosa succederebbe se un ragazzo che ha passato anni a scrivere battute animate per la televisione avesse l'opportunità di realizzare il suo' Star Trek '? Oh, e se la sua rete madre gli avesse dato milioni per far sì che ciò accada? ”È uno spettacolo sconcertante per le persone che non hanno mai visto un episodio di“ Star Trek ”. E per i fan del franchise, che sanno intimamente come si sente una serie di“ Trek ”, sarà decisamente inquietante.

'The Orville' racconta le avventure del Capitano Ed Mercer (Seth MacFarlane) e dell'equipaggio fedele degli Stati Uniti Orville (seriamente, usa il prefisso degli Stati Uniti) mentre si librano nello spazio in una missione esplorativa inspiegabile in un lontano futuro. Ci sono umani e ci sono buoni alieni, alcuni dei quali sono membri dell'equipaggio, e ci sono cattivi alieni che vengono combattuti in battaglie spaziali. C'è anche Ed che fa la febbre con la sua ex moglie Kelly (Adrianne Palicki), che ora è il suo ufficiale in comando nonostante sia probabilmente una terribile idea. Ma per il resto, è un semplice spettacolo su persone decenti che viaggiano attraverso lo spazio e ogni tanto dicono cose divertenti.

È il tipo di spettacolo che potrebbe sembrare sostenibile come una commedia di mezz'ora. In effetti, quando è stato rivelato per la prima volta lo scorso maggio, nulla di 'The Orville' sembrava così offensivo. Sulla base del trailer, l'ipotesi era che Seth MacFarlane stesse facendo una parodia di 'Star Trek', alla 'Galaxy Quest' - teoricamente non è una nozione fastidiosa, soprattutto perché 'Galaxy Quest' è stato un grande film.

Ma il fatto più scioccante di 'The Orville per la maggior parte delle persone è che dura un'ora e fondamentalmente disinteressato all'essere una commedia. Così tante scene di 'Orville' il al momento, perché l'istinto commedia di MacFarlane come scrittore (almeno ha scritto il pilota) significa che non può evitare di scrivere nelle battute. Ma questo show vuole davvero essere un'avventura fantascientifica, quindi la commedia è interpretata in modo completamente impassibile o non è affatto giocata. Dopo aver visto lo spettacolo reale, le sue intenzioni sono diventate chiare: Seth voleva fare il cosplay come capitano degli Stati Uniti Enterprise. E Fox glielo ha lasciato fare.

L'era 'Star Trek' degli anni '90, da 'The Next Generation' a 'Deep Space Nine' a 'Voyager', non è necessariamente la televisione che dovrebbe essere trattenuta in confronto alla citazione-quotazione 'Golden Age'. ben prodotto per il suo tempo e, cosa più importante, ha alimentato alcuni racconti e personaggi fantastici anche mentre lavorava in un formato ampiamente autonomo. 'DS9' è stato anche un esempio precoce e di grande impatto di come lo storytelling serializzato potrebbe funzionare nella programmazione di genere, che ha portato a 'Battlestar Galactica', 'Lost' e molti altri grandi spettacoli.

Molte persone di talento, al di sopra e al di sotto della linea, si sono alzate dai ranghi di 'Trek'. Stranamente, alcuni di loro lavorano su 'The Orville'. Questa è una lista di persone coinvolte in 'The Orville' che hanno anche lavorato su almeno un'iterazione di 'Star Trek':

  • Penny Johnson Jerald, serie “Orville” regolare
  • Brannon Braga, produttore esecutivo di “Orville”
  • David A. Goodman, produttore esecutivo di “Orville”
  • James L. Conway, regista di 'Orville'
  • Jonathan Frakes, regista di 'Orville'
  • Robert Duncan McNeill, regista di “Orville”
  • John Debney, compositore di 'Orville'

Pertanto, non si dovrebbe essere sorpresi dal fatto che la musica suona come il vintage 'Star Trek'. Che l'atto si dissolva in nero, proprio come il vintage 'Star Trek'. Quel vintage 'Star Trek' è un aspetto inevitabile di questa serie ... perché questo è tutto ciò che aspira ad essere.

Il lancio originale del creatore di 'Trek' Gene Roddenberry per 'Star Trek' del 1966 era tristemente '' Wagon Train 'verso le stelle' (se non sai cosa sia 'Wagon Train', non ti preoccupare, sappi solo che era un popolare occidentale negli anni '60). Almeno si è preso la briga di affrontare il concetto di 'alle stelle' di quel concetto: creare un nuovo mondo in cui i suoi personaggi possano abitare. Nel frattempo, MacFarlane ha creato '' Star Trek ', tranne con' un Joe medio 'al timone e tutti i nomi tecnici sono cambiati'.

Per quanto sembri 'The Orville', così tante decisioni creative prese nel costruire questo mondo sono decisamente economiche e pigre. L'equipaggio dell'Enterprise Orville, che lavora per la Federation Union, usa replicatori di sintetizzatori e trasportatori (in realtà usano la parola 'trasporto') nella loro vita quotidiana. Oh, ma fai attenzione ai fastidiosi Klingon Krill! Stanno sempre causando problemi.

Il titolo sopra riportato invoca tre diversi modi in cui lo spettacolo è in bancarotta: creativamente, moralmente ed eticamente. La mancanza di creatività è chiara, dato come toglie il quadro di base di una serie 'Trek' e archivia i numeri di serie. Ma moralmente, è difficile immaginare come chiunque sia coinvolto in questo progetto possa sentirsi a proprio agio nel camminare su quel set, guardare quegli episodi e vedere quanto sia palese l'imitazione. Ed eticamente, è frustrante vedere che i sistemi messi in atto per impedire ai creatori di strappare gli altri in un modo così palese sono falliti qui.

La mancanza di creatività non si estende ai personaggi dello spettacolo, per la cronaca. Certamente MacFarlane, come Ed, non ottiene mai molta personalità al di là del suo amore per la cultura pop, mentre molti membri del cast di supporto rappresentano paradigmi stabiliti dalla precedente serie 'Trek', alcuni di essi potrebbero rappresentare la più creatività coinvolta in 'The Orville ', periodo. Vengono presentate alcune razze aliene uniche e Alara, un giovane inesperto agente di sicurezza della razza Xelayan (Halston Sage), in particolare fa un'impressione di essere sia minuscola che super forte, portando una nuova dinamica in molte scene d'azione dello spettacolo .

Ecco un'altra cosa carina da dire su 'The Orville': Mentre la scrittura attorno ai personaggi di MacFarlane e Palicki il più delle volte si gioca in alcuni dei tropi del 'manubrio' / 'donne fastidiose' che formano le fondamenta della maggior parte dei 'Family Guy' narrazioni, c'è uno sforzo fatto per non essere super misogini. E c'è una relazione omosessuale che non si gioca mai per le risate.

Ma poi c'è l'episodio 3, che, senza spoiler, potrebbe essere una delle discussioni più sorde e offensive sul genere mai viste sullo schermo, specialmente in un'epoca in cui molte persone sono arrivate ad abbracciare l'idea che il genere è un concetto che va oltre la biologia all'identità personale. L'episodio è un'allegoria intesa a evocare ricordi di 'Star Trek' che affronta le questioni sociali negli anni '60 e oltre, ma è così poco comprensibile nel suo approccio che probabilmente riporta la vera comprensione della questione agli anni '60.

Se MacFarlane avesse davvero voluto creare un omaggio a tutte le qualità che hanno reso 'Trek' una proprietà amata per anni, l'avrebbe fatto creando il suo universo fantascientifico - la sua estetica, la sua struttura episodica. Avrebbe cercato l'effettiva originalità, che non è un'impresa impossibile all'interno di questo genere.

I veri fan della fantascienza sanno che mentre ci sono alcuni archetipi importanti che spesso i franchising prendono in prestito l'uno dall'altro, è possibile creare universi distinti. È possibile ascoltare la propria voce, anche nel silenzio dello spazio. Ma gli unici suoni unici prodotti da 'The Orville' sono cose che vorremmo non aver mai sentito.

Grado: D



Articoli Più