Rassegna di stagione 3 'UnREAL': migliore ma ancora disordinato, il dramma della vita ti lascia desiderare di più

Bettina Strauss



Togliamolo di mezzo: la stagione 3 di “UnREAL” manca ancora della scintilla scintillante che ha reso il debutto della serie TV da non perdere, ma ha anche apportato notevoli miglioramenti, conoscendo i miglioramenti dopo una seconda corsa che si è schiantata e bruciata (per così dire) . I primi cinque episodi sono così fastidiosi e irregolari, che è difficile accontentarsi di una reazione dichiarativa. Da un lato, usare una valigia (piuttosto che un pretendente) per mantenere saggiamente l'attenzione sulle donne ripaga in archi migliori per Quinn (Constance Zimmer) e Rachel (Shiri Appleby) - quindi sì, 'UnREAL' è di nuovo buono! Ma d'altra parte, la stessa abito da sera (interpretata dal meraviglioso Caitlin Fitzgerald) è scarsamente utilizzata, e proprio quando lo spettacolo inizia a rotolare, si fa deragliare inspiegabilmente e in modo esasperante - quindi, 'UnREAL' è ancora un casino.

Al culmine, la satira dietro le quinte della reality TV di Marti Noxon e Sarah Gertrude Shapiro ti ha fatto odiare il fatto che amavi quello che stavi guardando, ma questo era il punto. Ti ha portato così lontano nel ventre della bestia che non potevi fare a meno di ammirare e interagire con il prodotto finale: uno spettacolo in stile 'Bachelor' che, in questa inquadratura, ha contribuito a esporre la colpevolezza dei suoi personaggi e degli spettatori a casa . Il melodramma a basso costo prodotto per la serie falsa e all'interno di quella reale si è rivelato entusiasmante, mentre la suddivisione del suo meta-commento sulla reality TV e i ruoli delle donne in tutti i media (tra le altre questioni) hanno stimolato la mente molto dopo che i colpi di scena si sono svolti.



La seconda stagione ha avuto una serie di problemi, ma la maggior parte di essi è ricondotta a inefficienza e eccessiva convenienza. I nuovi personaggi vuoti, le storie d'amore incantate e le trame a metà assurde derivavano in gran parte da una mancanza di sviluppo. 'UnREAL' semplicemente non ha impiegato il tempo necessario per rendere ogni scelta narrativa il più significativa possibile; alla fine, tutti quei movimenti brevi hanno morso il dramma della meta-vita nel culo.



La stagione 3, a suo merito, è più focalizzata sul gioco lungo. Nella prima metà della stagione, gli scrittori avanzano pazientemente due questioni predominanti: le donne potenti (o intimidatorie) possono avere una storia d'amore gratificante senza abbassarsi alle idee patriarcali di come le donne dovrebbero comportarsi '>

Il modo in cui Quinn reagisce alla ricerca del vero amore della valigia è in gran parte logico, e quindi una decisione alla fine del secondo episodio altrimenti eccellente puzza di disperazione - e non da parte di Quinn. È come se i produttori dello show, proprio come Quinn fa per “Everlasting”, fossero così stufi della mancanza di saponose sorprese da buttare in quello più confuso a cui potevano pensare. E lo stile di vita di Rachel che vive con yurta, allevamento di capre e meditazione nel lago è facile da prendere in giro inizialmente, ma proprio quando ci sta conquistando i suoi modi di dire la verità, al pubblico viene chiesto di ascoltare la voce della ragione da un personaggio che è troppo spregevole e inaffidabile mai servire a quello scopo.

Su scala più piccola, ci sono momenti fastidiosi che impediscono a 'UNREAL' di raggiungere il trespolo di prestigio desiderato. A un certo punto, un personaggio sta per rivelare un segreto a un giornalista e si guarda alle sue spalle come se qualcuno potesse ascoltarla. (Non preoccuparti per il reporter riferendo il tuo segreto al mondo dei mostri.) Chet (Craig Bierko) sta inseguendo spudoratamente un Emmy in una meta trama che finora si sente spudoratamente egoista. Jeremy (Josh Kelly) è tornato di nuovo, dopo aver aggredito Rachel nella Stagione 2, e sembra più caldo che mai (il che è problematico per se stesso). Peggio ancora, numerosi personaggi principali continuano a essere trattati come un mezzo per raggiungere un fine, poiché prendono decisioni motivate da necessità melodrammatiche piuttosto che dalla razionalità che hanno dimostrato di possedere.

Sarebbe in qualche modo perdonabile se Rachel, Quinn, Jay (Jeffrey Bowyer-Chapman) e il resto del gruppo venissero trasformati in marionette con qualcosa da dire, ma 'UnREAL' non è così acuto come deve essere per guadagnare tali digressioni di personaggi. Tutto ciò che riguarda 'Everlasting' è noioso; nemmeno Caitlin Fitzgerald può ravvivare le cose. Abbiamo già visto ogni fase del reality show e nessuna delle cerimonie per l'eliminazione delle rose è drammatica perché Serena di Fitzgerald manca di interiorità. È solo una procura per Quinn, che è una buona idea senza il necessario follow-through. (Serena può essere piace Quinn senza essere così ordinaria.) Dopo l'episodio 2, è praticamente in una delle due modalità: piagnucolarsi per quello che deve fare nello show, o troppo eccitante per uno dei ragazzi che ha appena incontrato (che ovviamente presto deluderà sua).

Gli uomini sono ugualmente monodimensionali, quindi uno degli aspetti più succosi dello spettacolo - lo spettacolo all'interno dello spettacolo - è reso piuttosto privo di vita dal punto intermedio della Stagione 3. Gli archi di Quinn e Rachel sono più forti, e quel secondo episodio mostra davvero ciò che 'UnREAL' è in grado di farlo con questo promettente set di 'abiti', ma è ancora molto lontano dal suo precedente sé avvincente e illuminante. Dato il suo inizio impeccabile, questa è una serie per cui faremo sempre il tifo e la Stagione 3 potrebbe benissimo girare l'angolo per un finale forte. Dopo cinque episodi, ne vorrai ancora di più, non importa quanto ti fidi del prossimo.

Ma con una star della reality TV alla Casa Bianca, i movimenti #MeToo e 'Time’s Up' in pieno svolgimento, e la conoscenza di quello che era uno spettacolo, la mancanza di urgenza nella terza stagione è fastidiosa. Il mondo è acceso con i problemi che la prima stagione ha iniziato ad affrontare. 'UnREAL' dovrebbe bruciare la terra, sia che si riferisca direttamente a questioni di attualità o meno. Dovrebbe sembrare pericoloso, come se una bomba potesse esplodere in qualsiasi momento. Ma anche con tutti questi fuochi, non riesce ancora a trovare una scintilla.

Grado: B-

La prima stagione di “UnREAL” è in onda lunedì 26 febbraio alle 22:00 ET a vita.



Articoli Più